UN PO' DELLA MIA VITA IN FATTORIA

Ogni giorno accudiamo con amore e pazienza gli animali; il cibo, una copertura e le coccole sono ciò di cui hanno bisogno.

caprette

Per i recinti utilizziamo materiali come il legno e le reti, ma le intemperie spostano e distruggono tutto il lavoro che si fa anno dopo anno. Ci rimbocchiamo le maniche e senza scoraggiarci li risistemiamo.

Nei primi mesi dell’anno, la neve incombe e con il trattore la spaliamo; carichiamo la caldaia di legna per riscaldare casa.
I lavori non mancano mai!
Approfittiamo di fare manutenzione alle nostre strutture interne.

I mesi passano, la neve si scioglie e tornano a vedersi i campi; la terra bagnata dallo scioglimento della neve crea avvallamenti e buchi portando via detriti e spazzatura di alcuni maleducati, eccomi in veste di spazzina!

Il sole inizia a scaldare e le giornate si dedicano alla pulizia dell’aia, si pulisce l’orto dalle erbacce, si pota per dare la possibilità alle piante di crescere forti e robuste.

Tutto è sempre collegato e dipendente dalle condizioni atmosferiche, perciò non c’è una data precisa di inizio lavori, bisogna sempre essere pronti!

trattore

La prima a fiorire è la lavanda che alle 4:00 di mattina si deve trebbiare a mano e raccogliere al fine di portarla a distillare fresca, otterremo così l’olio essenziale e l’acqua distillata.

Dopo aver potato, tagliato l’erba con la trincia e decespugliato attendiamo le ciliegie e i duroni che raggiunta la loro maturità ci arrampichiamo sugli alberi per raccoglierle con delicatezza e tanta pazienza. Questo procedimento viene utilizzato anche per gli altri alberi da frutto.

ciliegia

Abbiamo scelto di preservare l’ambiente che ci circonda sostenendolo con una produzione biologica e i nostri animali ci offrono il loro letame per poter concimare i raccolti, perciò, le quantità dei prodotti non saranno mai elevate.
Non mettendo alcun tipo di prodotto chimico, il frutto va raccolto e mangiato o cotto per delle squisite marmellate e confetture che proponiamo nelle colazioni altrimenti spunterà il vermetto.

galline

In primavera trapiantiamo gli ortaggi nell’orto e da quel momento ci dobbiamo ricordare di innaffiare, tenere monitorato dalle erbacce, alzare le piante con le canne e coprire dal sole creando una serra.

Il mese di agosto è perfetto per andare nel bosco e portare a casa la legna, il lavoro è impegnativo così iniziamo la giornata con una super colazione e siamo pronti per tagliare, caricare nel carro, portare a casa, scaricare, segare a misura per la stufa e impilare la legna.

Inizia la pulizia del castagneto con il decespugliatore, a seguire il rastrello e se si vuole si brucia il fogliame raccolto per preparare il sottobosco alla raccolta delle castagne. In attesa del momento migliore per loro le troviamo a terra e tutti i giorni si sale nel castagneto per il raccolto.

castagne

I guanti e un bel pantalone lungo da lavoro sono l’abbigliamento principale da utilizzare in campagna o nel bosco.

albicocche

QUESTE PAROLE VOGLIONO FAR CAPIRE LA FATICA E IL LAVORO CHE C’È DIETRO LA NOSTRA AZIENDA E AL PRODOTTO, VOGLIO DARE UN PERCHE’ AL PREZZO ASSEGNATO AD UN PRODOTTO NON BELLISSIMO MA DI OTTIMA QUALITÀ, PERCHÉ NON POSSO ESSERE SEMPRE IN CUCINA MA È FONDAMENTALE PER ME LAVORARE LA TERRA PER PORTARE IN TAVOLA I NOSTRI PRODOTTI, PERCHÉ NON SEMPRE IL CELLULARE PRENDE, TUTTO CIÒ PER SALVAGUARDARE 43 ETTARI DI TERRENO.

fattoria didattica fattoria didattica bologna

 

logo ca del buco
Si ringrazia Eleonora Orrù per aver redatto i testi, selezionato le immagini e ideato il layout
arrow-up-solid
Torna al menù